Lo Staff Alfa 164 ti da il benvenuto.
Se sei qui vuol dire che anche tu hai un CuoreAlfista.
Ti trovi nel tempio dell'Ammiraglia più bella di tutti i tempi, sali a bordo anche tu sulla 164.
Registrati, leggi e rispetta le regole, ed entra anche tu a far parte del mondo Alfa Romeo 164.
Si ricorda ai nuovi iscritti che è obbligatorio presentarsi nell'apposita area, se dopo 7 gg dall'iscrizione l'utente non si è presentato e non ha postato nessun messaggio nei forum, verrà temporaneamente sospeso.

Buon divertimento!
Lo staff di Alfa 164.

Webmaster 106kilowatt


 
PortalePortale  IndiceIndice  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  
   

Condividere | 
 

 Integrare un'anima Alfa Romeo con un corpo vettura di provenienza "Fiat"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
106kilowatt
Amministratore
Amministratore
avatar

Pesci Messaggi : 351
Reputazione : 23
Data d'iscrizione : 17.09.10
Età : 47
Località : Torremaggiore

MessaggioTitolo: Integrare un'anima Alfa Romeo con un corpo vettura di provenienza "Fiat"   Dom 12 Dic 2010, 12:04

Accade nel 1986 quando il marchio milanese di proprietà dell' IRI carico di pesanti passività finanziarie dovute in primo luogo a carente efficienza produttiva, viene ceduto alla FIAT . E' urgente rigenerarlo introducendo economie di scala e rlancianciandone l' immagine internzionale. Il primo intervento riguarda una ammiraglia, la Fiat ha già pronto l' autotelaio che fa allo scopo : è quello denominato TIPO 4 , sviluppato in collaborazione con la SAAB con il modello 9000 e collaudato con i modelli Fiat CROMA e Lancia Thema.
Caratteristiche fondamentali: scocca di elevata rigidezza e relativamente leggera , integrazione nel pianale di un sottotelaio ausiliario per il supporto del gruppo motopropulsore e della sospensione anteriore , trazione anteriore con motore predisposto trasversalmente, sospensionie a quattro ruote indipendenti tipo Mac Pherson . Su questa solida base tecnica viene impostato mediante una mirata " reinterpretazione" d' insieme e dei particolari, il progetto Alfa 164. Gli obiettivi sono ambiziosi: " riproporre i valori salienti universalmente riconosciuti alle Alfa , in una vettura fortemente caratterizzata sul piano della tecnologia, dello stile, delle prestazioni elevate ( velocità pari o superiori a 200 Km/h), della spiccata sportività e sicurezza di guida , della perfezione qualitativa". La linea, firmata da Pininfarina, esalta -insieme- l'eleganza e la sportività del modello. Gli interni sono ai vertici della categoria, nel solco della tradizione del Marchio: sedili in velluto, climatizzazione automatica e strumentazione analogica con check-control. Sostenuto dalle precedenti esperienze acquisite da Fiat, Lancia e Saab con lo stesso autotelaio, lo sviluppo della 164 è accellerato . I collaudi sono severissimi: 50 esemplari di preserie hanno percosso in 2 mesi 2 milioni di km.



Presentata al Salone di Francoforte del 1987 presenta le motorizzazioni:2.0 Twin Spark da 145 cv, 3.0 V6 188cv , 2.5 Turbo diesel da 114 cv. I cultori del marchio mal gradiscono il passaggio dalla trazione posteriore a quella anteriore ma nel complesso la vettura offe una buona accoglienza che permettrà di arrivare nel 1990 a 148.473 unità !
Quattroruote :5 stelle alla voce abitabilità e alla voce confort -Il potente motore così rumoroso come sulla 75 qui diventa silenzioso appena avvertibile anche alle velocità più elevate- Consumo 4 stelle , batte tutte le concorrenti di pari potenza ma meno veloci.
Nel 1988 esordisce la 2.0i Turbo , con la più alta coppia (29 kgm, contro i 25 del 3.0 V6) e la più brusca progressione del 4 cilindri Turbo esaltano i problemi della trazione anteriore , sostiene Quattroruote : " Avremmo voluto risposte più pronte e progressive dello sterzo sia nella fase d'impostazione della curva , sia durante le eventuali correzioni di traiettoria. Il comando risente molto le reazioni provocate dalla coppia trasmessa alle ruote anteriori soprattutto quando non allineate ".
Nel 1991 con le 164 nuova gamma migliora : scocca anticorrosione in lamiera zincata, climatizzatori più potenti , freni modificati, aggiunta di cuscinetti e di un sistema elastico al dispositivo di guida per ridurre le reazioni al volante e ottenere uno sterzo dal ritorno più pronto.Introdotto un nuovo V6 Turbo ( oltre 200 cv e 240 km/h ) con cilindrata ridotta da 3 litri a 2 per sfuggire all' imposizione fiscale dell' IVA raddoppiata (36%).
Nel 1992 la gamma SUPER e Quadrifoglio allestite tenendo di mira il mercato degli USA ( 3.0 V6 232 cv e 240km/h), ma la massima espressione della vocazione sportiva si ha quando nel 1993 con la versione Q4 ( Quadrifoglio a 4 ruote motrici )con una potenza di 231 cavalli e sesta marcia di potenza, consente alla vettura di raggiungere la velocità massima di 237 chilometri orari. Un alto successo per l' immagine dell' Alfa anche se ovviamente la 164 Q4 non è un' auto da grandi numeri di vendita dato il prezzo di lire 88.037.000 nel 1993.

La 164 concluderà nel 1997 il suo ciclo di vita decennale con una produzione complessiva di 268.757 esemplari.




Fonte: Quattroruote

_________________
L'Amministratore e Webmaster

106kilowatt  pirat





Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://alfa164.forumattivo.info
 
Integrare un'anima Alfa Romeo con un corpo vettura di provenienza "Fiat"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Scienziato russo fotografa l’anima
» Il corpo maschile
» Quanto "sopravvive" lo sperma fuori dal corpo?
» la complessità del corpo umano prova che dio non esiste
» preparazione transfer congelati e corpo luteo cistico

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Storia del Marchio e del Modello :: L'Alfa Romeo 164-
Andare verso: